Prima di fare "copia" e "incolla"

Quando decidi di copiare ed incollare i contenuti di questo blog, abbi almeno il buon senso di citarne la fonte.
Scrivere i contenuti di queste pagine è un lavoro molto impegnativo: c'è uno sforzo di memoria, di attenzione nello scrivere il dialetto in maniera precisa e un sacrificio di tempo. Tutto questo lo facciamo per non mandare perse tutte quelle "cusarelle" della nostra terra. Grazie per la collaborazione.
"Senz' ca te lave e senz' ca te lisce,
s'jva ess bell ce avija nasce!"
E' inutile esagerare di lavorare sul proprio aspetto, belli si nasce!
"Ddie me benerica e Ddie m'abbonna e a chi nen me pò verè ru cure ze le sfonna."
Dio mi benedica e mi ricolmi di ogni bene e, a chi gli non sono simpatico, gli si sfondi il fondo schiena!
"...Ddie te ru ùuarde"
Le nostre nonne e le nostre mamme usavano dire alle puerpere e alle giovani mamme, riguardo al bimbo piccolo: "Dio lo benedica"!
"La rrobba z'apprezzà quanne ce sta, ca quanne nen ce ne sta z'apprezza ra sola."
Le cose vanno apprezzate quando ci sono perché quando non ci sono si apprezzano da sole.
"Ogne tiempe vè p' chi ne more"
Ogni tempo viene per chi non muore: tutto torna!
 "La cumberenzia rumpette la capa a ru ciucce"
La troppa confidenza finisce per danneggiare i rapporti.
"Ru Patraterne ra le cice a chi n'te riend"
Il buon Dio dà alcuni doni a chi non ne sa godere.
"Magna grazia re Ddije e cache saette"
Persona indisposta d'intestino.
"Tantine e tantane, ru rutte port'à ru sane"
Piano piano il malato cura il sano.
"Resate schiattapariente..."
Finti sorrisi per simulare serenità.
"Nen tè nu solde manghe pe ze caccià n'uocchie"
Povero in canna.
"Nisciune rice lavete la faccia ca sciè cchiù bbelle re me"
Nessuno riconosce le capacità di un'altra persona al di sopra delle proprie.
"'obbe e matte n'ce sta miereche ch'l'arresana"
I gobbi e i matti non trovano medico che li guarisce.
"Puurielle te pozze ricere, ma pò n'aie ch' te fà"
Chi non vuole ascoltare prima, dopo può essere solo commiserato.
"A ogne cielle le pare bbuone ru nire suò"
Ad ogni uccello piace il suo nido: ad ognuno piace ciò che ha.
"Prumette certe e 'abba secure"
Promettere con certezza e gabbare sicuramente.
"Avvezzete curille quanne stà sule sulille, ca quanne stà accumpagnate arremane sbrugnate"
Le buone abitudini devono essere nostre compagne di vita, sempre.
"Auzete curille e fatte ru zruezille"
Per chi ha l'abitudine di comandare gli altri.
"E' pelate cumm'e na pacca re cure"
E' calvo come una natica (femminile), paragone sarcastico.
"Denare sott'a titte sò denare beneritte"
Un'entrata economica fissa in casa è una benedizione.
"La negghia re giugne struie ru munne"
La nebbia a giugno distrugge i raccolti.
"Ru ciucce miè quann z'amparatte a stà senza magnà ze murette"
Non bisogna tirare troppo la corda.
"Nen'è buone nè a fott' nè a fa la spija"
Buono a nulla.
"Fott' e mmijauleia"
Persona che sa come gestire i suoi affari, ma si lamenta di continuo con gli altri.
"Da nù cappotte nen ce scette manghe nu cappielle"
Chi non sa gestire le proprie cose va in rovina.
"Furtuna e cazze 'ngure vijate chi l'à"
Fortuna e godimento, beato chi ce l'ha.
"Se tiè cacche solde ne le ricere ch' nisciune,
ma se tiè na malatija dille ch' tutte quante"
Non rivelarlo agli altri se hai dei risparmi: potrebbero chiederti un prestito; ma se hai una malattia dillo con tutti, qualcuno potrebbe aiutarti.
"La fame fà scì ru lupe da la tana"
Per saziarsi si è disposti a mettere in pericolo anche la vita.
"Appiccia ru fuoche de la streija..."
Il fuoco delle streghe era sempre semispento perchè loro erano in giro a far del male, così quando una persona per avarizia accende un fuocherello che non riscalda esso viene chiamato "fuoche de la streija".
"Se ru cielle canuscesse ru grane n'ze metesse"
Segli uccellini sapessero ripulire le spighe, all'uomo non lascerebbero nulla.